Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale

La psicoterapia cognitivo-comportamentale

cognitivo-comportamentale (2) copia.jpg
cognitivo-comportamentale copia.jpg

 (TCC in italiano o CBT, dall’inglese “cognitive-beahvior therapy”) si fonda sull’osservazione che esiste una stretta relazione tra pensieri, emozioni e comportamenti: ciò che pensiamo rispetto ad ogni evento che ci accade nella vita influenza le emozioni che proviamo e i comportamenti che mettiamo in atto.

Tuttavia, le nostre esperienze di vita e le idee fondamentali che ci formiamo su noi stessi e sul mondo (chiamati in termini psicologici “schemi”) fanno sì che i nostri pensieri contengano alcune “distorsioni”, non siano cioè sempre realistici e aderenti ai fatti.

La sofferenza psicologica nasce quando queste “distorsioni” diventano eccessivamente rigide e pervasive e ci portano a reagire a determinati eventi in maniera emotivamente inadeguata e a mettere in atto comportamenti inefficaci o controproducenti. Obbiettivo della psicoterapia cognitivo-comportamentale è quindi quello di aiutarci a riconoscere e modificare tali distorsioni e a trovare comportamenti più efficaci e funzionali per gestire la nostra vita.

Tutto ciò viene realizzato tramite l’implementazione di tecniche e strategie comportamentali e cognitive che hanno accumulato nel corso degli anni numerose evidenze scientifiche di efficacia.